Rose


IMG_2959

Ti regalerò una rosa I Will Give You a Rose

Ti regalerò una rosa
Una rosa rossa per dipingere ogni cosa
Una rosa per ogni tua lacrima da consolare
E una rosa per poterti amare
Ti regalerò una rosa
Una rosa bianca come fossi la mia sposa
Una rosa bianca che ti serva per dimenticare
Ogni piccolo dolore

Mi chiamo Antonio e sono matto
Sono nato nel ’54 e vivo qui da quando ero bambino
Credevo di parlare col demonio
Così mi hanno chiuso quarant’anni dentro a un manicomio
Ti scrivo questa lettera perché non so parlare
Perdona la calligrafia da prima elementare
E mi stupisco se provo ancora un’emozione
Ma la colpa è della mano che non smette di tremare

Io sono come un pianoforte con un tasto rotto
L’accordo dissonante di un’orchestra di ubriachi
E giorno e notte si assomigliano
Nella poca luce che trafigge i vetri opachi
Me la faccio ancora sotto perché ho paura
Per la società dei sani siamo sempre stati spazzatura
Puzza di piscio e segatura
Questa è malattia mentale e non esiste cura

Ti regalerò una rosa
Una rosa rossa per dipingere ogni cosa
Una rosa per ogni tua lacrima da consolare
E una rosa per poterti amare
Ti regalerò una rosa
Una rosa bianca come fossi la mia sposa
Una rosa bianca che ti serva per dimenticare
Ogni piccolo dolore

I matti sono punti di domanda senza frase
Migliaia di astronavi che non tornano alla base
Sono dei pupazzi stesi ad asciugare al sole
I matti sono apostoli di un Dio che non li vuole
Mi fabbrico la neve col polistirolo
La mia patologia è che son rimasto solo
Ora prendete un telescopio… misurate le distanze
E guardate tra me e voi… chi è più pericoloso?

Dentro ai padiglioni ci amavamo di nascosto
Ritagliando un angolo che fosse solo il nostro
Ricordo i pochi istanti in cui ci sentivamo vivi
Non come le cartelle cliniche stipate negli archivi
Dei miei ricordi sarai l’ultimo a sfumare
Eri come un angelo legato ad un termosifone
Nonostante tutto io ti aspetto ancora
E se chiudo gli occhi sento la tua mano che mi sfiora

Ti regalerò una rosa
Una rosa rossa per dipingere ogni cosa
Una rosa per ogni tua lacrima da consolare
E una rosa per poterti amare
Ti regalerò una rosa
Una rosa bianca come fossi la mia sposa
Una rosa bianca che ti serva per dimenticare
Ogni piccolo dolore

Mi chiamo Antonio e sto sul tetto
Cara Margherita son vent’anni che ti aspetto
I matti siamo noi quando nessuno ci capisce
Quando pure il tuo migliore amico ti tradisce
Ti lascio questa lettera, adesso devo andare
Perdona la calligrafia da prima elementare
E ti stupisci che io provi ancora un’emozione?
Sorprenditi di nuovo perché Antonio sa volare

I will give you a rose
A red rose to paint everything
A rose to comfort your each and every tear
And a rose to show you my love
I will give you a rose
A white rose as if you were my wife
A white rose to help you forget
Each little pain

My name is Antonio and I’m mad
I was born in 1954 and I’ve lived here since I was a baby
I believed I could talk with the devil
So they closed me in a mental home for forty years
I’m writing you this letter because I don’t know how to talk
Forgive the handwriting of a school child
And I’m astonished I’m still feeling emotions
But it’s the fault of my hand that won’t stop shaking

I’m like a piano with a broken key
The dissonant chord of an orchestra of drunks
Day and night seem the same
In the dim light the pierces the opaque glass
I’m still pissing myself because I’m afraid
To the sane, we have always been rubbish
Smelling of piss and sawdust
This is mental illness and there is no cure

I will give you a rose
A red rose to paint everything
A rose to comfort your each and every tear
And a rose to show you my love
I will give you a rose
A white rose as if you were my wife
A white rose to help you forget
Each little pain

Mad people are like question marks with no sentences
Thousands of spaceships that never return home
They are snowmen spread out under the sun
Mad people are messengers of a God that doesn’t want them
I build snow for myself out of polystyrene
My illness is that I’ve been left alone
Now take a telescope and measure the distance
Look between me and you – who is more dangerous?

We loved each other secretly in a hospital ward
Finding a corner that would be ours alone
I remember the few moments when we felt alive
Not like the medical records crammed in the archives
Of all my memories, you’ll be the last to disappear
You were like an angel tied to a radiator
In spite of everything I’m still waiting for you
And when I close my eyes I feel your hands caressing me

I will give you a rose
A red rose to paint everything
A rose to comfort your each and every tear
And a rose to show you my love
I will give you a rose
A white rose as if you were my wife
A white rose to help you forget
Each little pain

My name is Antonio and I’m on the roof
Dear Margherita, I’ve waited for you for 20 years
We go mad when no one understands us
Also when your best friend betrays you
I leave you this letter, now I must go
Forgive the handwriting of a school child
Are you astonished I’m still feeling something?
Surprise yourself again because Antonio knows how to fly

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...